mercoledì 12 maggio 2010

Feltrinelli, GeMS ed Rcs danno vita a Edigita: il futuro sarà ebook?



Sul sito di Affari Italiani ho trovato questo interessante articolo sulla nascita di un progetto per la distribuzione degli e-book gestito dai grandi gruppi editoriali (con l'esclusione di Mondadori). Mi piacerebbe sapere la vostra opinione in merito. Il futuro potrà essere ebook?

Feltrinelli, Messaggerie Italiane con GeMS e RCS Libri annunciano la nascita del progetto Edigita – Editoria Digitale Italiana, la prima piattaforma digitale italiana dedicata esclusivamente alla distribuzione degli eBook, promossa da uno sforzo comune di tre fra i maggiori gruppi editoriali. Il progetto Edigita, di fronte alla sfida globale della digitalizzazione, nasce dalla volontà degli editori promotori di unire e potenziare i propri sforzi nella conquista del mercato eBook e degli eBook Reader. L’obiettivo è di realizzare un’unica infrastruttura comune per la distribuzione online dei testi digitali condividendo gli ingenti investimenti richiesti e offrendo nel contempo l’opportunità a tutti gli altri editori di accedere alla più ampia repository di titoli italiani. In questo modo si garantisce inoltre a chi si occupa da sempre di contenuti di mantenerne il controllo anche nelle modalità distributive e di vendita digitali restando protagonista di questa evoluzione. Edigita si propone di mettere gli editori italiani in condizione di offrire le proprie edizioni anche in formato eBook attraverso i più popolari device presenti e futuri, mirando alla massima diffusione e fruizione del testo elettronico e agendo come fornitore di servizi sia per gli e-retailers italiani (ibs.it, LibreriaRizzoli.it e laFeltrinelli.it in primo luogo) che per i siti di e-commerce stranieri (come ad esempio Amazon.com o iBooks.com).

Più in dettaglio, Edigita si propone:
a) il raggiungimento del maggior numero di lettori possibili, realizzando un’unica piattaforma di distribuzione digitale B2B in grado di servire tutte le librerie online italiane e straniere
b) l’ampliamento del servizio ai lettori, tramite una nutrita offerta di titoli in lingua italiana, proposti nei formati più diffusi (ePub e PDF)
c) la protezione dei diritti degli editori e degli autori tramite le funzionalità di DRM, disponibili in opzioni differenziate secondo le necessità di ciascun editore
d) la semplificazione dei processi amministrativi di editori e negozi on-line, offrendo loro un ruolo di intermediazione amministrativa e non commerciale (saranno infatti i singoli editori a mantenere la relazione commerciale diretta con gli e-retailers)
e) l’accesso alla piattaforma a parità di condizioni per tutti gli editori italiani che vorranno aderire, garantendo la gestione del catalogo degli eBook e offrendo servizi aggiuntivi quali consulenza, conversione ecc.
f) il rispetto dell’autonomia degli editori, che potranno usufruire dei servizi Edigita allo stesso titolo dei soci promotori, mantenendo la piena autonomia su qualsiasi tipo di politica commerciale (definizione dei prezzi, sconti ecc.)

Per raggiungere questi obiettivi, Edigita gestirà una piattaforma informatica che sarà in grado di ricevere e archiviare i file digitali prodotti dagli editori, di applicare le necessarie protezioni (DRM), di distribuire i file archiviati agli e-retailers (negozi online, ma in prospettiva anche le librerie tradizionali) che a loro volta li venderanno ai consumatori finali e di gestire tutte le procedure di interfaccia tra editori e e-retailers e le relative transazioni amministrative. I soci fondatori di Edigita prevedono di rendere disponibili attraverso la piattaforma, già a partire dall’autunno di quest’anno, più di duemila titoli fra saggistica e narrativa, novità e catalogo. In questo modo chi per Natale vorrà regalarsi o regalare un e-reader, qualunque e-reader, potrà trovare nelle librerie online una ampia gamma di eBook nella nostra lingua.

La quota di mercato dell’eBook negli Stati Uniti è stata nel 2009 inferiore al 2%, ma secondo le previsioni tale cifra crescerà fino al 15-20 per cento entro il 2015. Prevediamo che il mercato italiano degli eBook possa raggiungere almeno i 60-70 milioni di euro nel 2015 con una quota non inferiore al 4-5%. Queste stime di mercato mostrano l’interesse dei lettori nella fruizione dei contenuti editoriali attraverso molteplici canali. Il successo degli eBook Reader proposti sul mercato internazionale nell’ultimo anno dimostra che il mercato degli eBook non è un fenomeno di nicchia, ma una tendenza sostenuta da innovazione di prodotto e di servizio.

Per tutti questi motivi, i gruppi editoriali promotori di Edigita si sono avvalsi delle competenze di CEFRIEL – Politecnico di Milano al fine di realizzare un nuovo modello di relazioni con la filiera editoriale (editori, librerie e lettori). CEFRIEL ha affiancato i soci fondatori nell’avvio della start-up dalla realizzazione di uno studio preliminare sulla dimensione e tipologia del mercato eBook al piano di business, dall’identificazione della piattaforma tecnologica ai requisiti funzionali e tecnici per le operazioni di gestione, di distribuzione e di vendita dei contenuti.
Gli editori italiani che partecipano a questa iniziativa sono decisi a fare in modo che chi da sempre investe nella ricerca e nel finanziamento della creatività resti protagonista anche in questa nuova era digitale, proponendo ai lettori la più ampia offerta possibile di letture di qualità. A prescindere dal supporto utilizzato, quel che conta è la qualità di ciò che si pubblica, e chi da sempre investe nei contenuti deve poter continuare a offrire e garantire la qualità anche sulla rete.

Edigita esordirà con più di quaranta sigle editoriali, ma sarà aperta a tutte le case editrici interessate a uno sviluppo digitale parallelo alla distribuzione fisica e “tradizionale” dei libri e garantirà a tutti gli operatori editoriali la possibilità di aderire liberamente e a parità di condizioni. Tutti gli editori, italiani ma anche esteri, potranno usufruire dei servizi di Edigita allo stesso modo dei soci promotori.

L'articolo continua qui

6 commenti:

valerybuk ha detto...

Interessante questo blog..capitata per caso. Seguirò i vostri articoli e magari chissà, la vita riserva sempre sorprese, se mai la incontrerò le chiederò d'accendere e nient'altro..
Un saluto Valeria

Blogolo Nel Buio ha detto...

Grazie Valeriabuk. E io ti offrirò una sigaretta con piacere.

SANDRA MAZZINGHI ha detto...

ciao! e l'odore del libro?

Blogolo Nel Buio ha detto...

Vero Sandra, l'odore del libro, il piacere di rovinarlo sottolineando qua e là, la soddisfazione (morbosa) di possederlo come oggetto, lì, sul comodino, nella libreria o in qualche altro angolo della casa. Da lettori come si fa a farne a meno? E' anche vero che però dal punto di vista dell'editore l'ebook è economico (e diventa economico anche per il lettore, e non è poco!). E forse le future generazioni (abituate fin dalla culla alle diavolerie elettroniche)potrebbero non rimpiangere il formato cartaceo a cui noi siamo tanto legati. Chissà, io spero che nei decenni a venire la carta sopravviva :-)

Anonimo ha detto...

La realtà è che questi nuovi supporti sono scomodissimi! E non so se è solo questione di abitudine.

Blogolo Nel Buio ha detto...

Non saprei, non ho mai usato il lettore. Certo che leggere sullo schermo del pc stanca molto.

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails